home

 

T. MEDICA
F. di fondo
Antiinfiammatori
Cortisonici
T.CHIRURGICA
T.FISICA


 

TERAPIA FISICA

 


La fisioterapia, la terapia occupazionale, il supporto di assistenti sociali e di infermieri specialisti e metodi di monitoraggio, possono essere usati come parti del processo educazionale. La fisioterapia è specialmente efficace nel mantenimento del limite di movimento durante la fase attiva della malattia e nel rinforzo dei meccanismi articolari in altri stadi.
Inoltre la terapia cognitiva comportamentale, come numerosi altri approcci, ha dimostrato di essere anch'essa efficace.


Prevenzione della disabilità e preservazione della funzione

Un elemento importante nel trattamento del paziente con AR è quello di prevenire la disabilità e preservare la funzione articolare. Un modo per raggiungere questo obiettivo è quello di sviluppare un piano di esercizi basato sulla specifica necessità di ogni singolo paziente al fine di preservare il movimento, la forza, le attività di funzione e lo stile di vita. Il mantenimento del range di movimento il più vicino possibile alla normalità è importante per preservare le capacità funzionali.
Anche gli esercizi a riposo sono importanti.
Una volta stabilito il tipo di esercizi per quel paziente, verrà istruito lo stesso paziente e le persone che gli sono vicine ad eseguire quotidianamente quel programma terapeutico (generalmente due volte al giorno), anche quando è una "cattiva" giornata per il paziente. E' comunque importante stabilire il limiti di esercizio fisico che quel paziente deve fare in modo che non faccia troppo o troppo poco.
Il posizionamente deve essere anche valutato per preservare il movimento e migliorare la funzione. I pazienti devono essere incoraggiati a cambiare frequentemente la posizione del corpo al lavoro, a casa e durante le attività di piacere.
Anche gli Splint possono aiutare a proteggere l'articolazione. Uno splint deve essere usato come supporto di una articolazione infiammata, in modo da ridurre il dolore ed il processo flogistico. Gli splints possono essere usati per mettere le articolazioni in posizioni funzionali e sostenere articolazioni instabili.
La preservazione della forza muscolare è anche molto importante nei pazienti con AR. L'atrofia muscolare si instaura rapidamente in questi pazienti sia per il disuso, sia per l'infiammazione che caratterizza la malattia, sia anche per l'uso degli splints (specie se non vengono periodicamente rimossi).
La perdita del trofismo muscolare è correlata con la perdita della abilità funzionale.. Deve essere sviluppato un programma di esercizi per il mantenimento e per l'incremento della forza muscolare nel paziente con AR. Il tipo e la durata dell'esercizio fisico dovrà essere stabilito per ogni singolo paziente in base anche al dolore e al grado di infiammazione. Gli esercizi isometrici sono i migliori da utilizzare in quanto permettono al paziente di esercitare specifici gruppi muscolari evitando il movimento articolare.
Gli esercizi isotonici con piccoli pesi possono essere utilizzati, se tollerati dal paziente, sulle articolazioni non coinvolte dal processo infiammatorio o su quelle poco coinvolte. Nella maggior parte dei casi non è opportuno che il paziente con AR compia esercizi isochinetici, soprattutto se ad una certa velocità, per il rischio di creare una maggior compressione articolare.

 


Cosa è l'artrite
Clinica
Laboratorio
Diagnosi
Fisiopatologia
Terapia
Chi siamo
©2002 webtemplateszone.com     free web templates at webtemplateszone.com